Advertising Break:Al fianco di Save the Children.

Advertising Break:comunicare con la creatività.

Annunci

save the Children

L’Advertising Break si schiera a fianco di Save the Children,organizzazione non governativa che soccorre i bambini in difficoltà.

Le lotte più coraggiose poste in essere da quest’organizzazione sono quelle inerenti alla sfruttamento minorile sia nel campo lavorativo che in quello sessuale. Purtroppo nel mondo ci sono ancora tantissimi ragazzini che sono costretti a prostituirsi per una manciata di dollari e ciò ha portato alla diffusione del cosiddetto turismo sessuale.

In questo caso però,Save the Children ha dato vita ad una nuova battaglia contro i pedofili digitali.

In Messico,dove è stata diffusa questa comunicazione sociale elaborata dalla Young & Rubicam,ogni anno il 14% dei bambini è vittima di abusi sessuali a causa dei social network.

È proprio Facebook(il layout dei pc non lascia dubbi)a far incontrare i due protagonisti del racconto. Da un lato abbiamo un’ingenua bambina,mentre dall’altro lato un uomo facoltoso,molto più grande e soprattutto sposato(si intuisce dalla fotografia sulla sua scrivania).

Ho usato il termine incontrare in quanto la comunicazione ci proietta al futuro incontro(per via della posizione dei due protagonisti)dove sarà consumato sicuramente un rapporto sessuale non voluto.

Un’immagine scioccante che ci fa riflettere sulla pericolosità dei media digitali per le persone non dotate ancora di una ratio,come appunto i bambini.

Per questo motivo anche l’Advertising Break da voce alla nuova battaglia di Save the Children:“i bambini vanno tutelati”.

8 thoughts on “Advertising Break:Al fianco di Save the Children.

  1. Per salvare i bambini dallo schifo che gira in rete basterebbero quattro cose:

    1) Genitori presenti

    2) Genitori presenti

    3) Genitori presenti

    4) Educazione su come si utilizza il web

    Questi bambini molte volte sono abbandonati a se stessi davanti al PC in balia di schifosi pervertiti di m**+@ !! Se i genitori fossero più presenti e spiegassero (navigando anche insieme) come si utilizza e quali sono i pericoli del web allora, forse, qualche cosa si riesce a risolvere.

    Per il resto il tuo post mantiene sempre lo stesso standard ..ALTO !! ;D

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...